Un altro studio francese esamina l'uso della nicotina contro COVID-19

gennaio 15, 2021

In Francia è stato avviato un altro studio sull'uso della nicotina come misura preventiva contro COVID-19. Uno studio precedente condotto in un grande ospedale universitario francese, tra marzo e aprile, mirava a determinare la possibile correlazione del fumo quotidiano, con la suscettibilità di contrarre l'infezione SARS-CoV-2. I ricercatori avevano stimato i tassi di fumatori correnti giornalieri tra i pazienti con infezione da COVID-19 e li hanno confrontati con quelli dei fumatori correnti giornalieri all'interno della popolazione francese generale, dopo aver controllato i dati per sesso ed età. I dati raccolti avevano indicato che il tasso di fumatori giornalieri tra i pazienti COVID-19 era del 5,3%, mentre tra la popolazione francese, il tasso di fumatori giornalieri era del 25,4%. Questi risultati hanno portato i ricercatori a concludere che i fumatori giornalieri hanno una probabilità significativamente inferiore di sviluppare un'infezione da SARS-CoV-2 sintomatica o grave, rispetto alla popolazione generale.

Si riscontrano meno fumatori rispetto ai non fumatori tra i pazienti COVID-19 ospedalizzati

In linea con questo, a marzo, il rinomato ricercatore antifumo Dr.Konstantinos Farsalinos e due colleghi, hanno analizzato i dati provenienti dalla Cina, dove era ampiamente ipotizzato che il più alto tasso di ospedalizzazione e mortalità tra gli uomini cinesi fosse dovuto alle differenze di genere in tassi di fumo. Tuttavia, Farsalinos ha scoperto che c'erano significativamente meno fumatori tra i pazienti COVID-19 ospedalizzati.

Allo stesso modo, un'altra revisione dei dati cinesi pubblicati sull'European Journal of Internal Medicine ha concluso che "il fumo attivo non sembra essere significativamente associato a un aumentato rischio di progredire verso una malattia grave nel COVID-19".

Successivamente, modelli simili hanno iniziato a emergere da tutto il mondo. I dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno dimostrato che i fumatori rappresentavano solo l'1,3% dei casi di COVID-19 analizzati, mentre il tasso di fumo negli adulti in America è del 13,7%.

L'istituto sanitario norvegese ha rimosso il fumo come fattore di rischio per Covid

In risposta a queste cifre, a metà aprile l'Istituto norvegese di sanità pubblica aveva rimosso il fumo come fattore di rischio per i sintomi gravi del coronavirus. In Francia, sono state avviate ulteriori ricerche per indagare se i cerotti alla nicotina potessero svolgere un ruolo protettivo contro COVID-19.

Uno studio condotto dal neurobiologo di fama mondiale, Jean-Pierre Changeux, e dal Prof.Zahir Amoura, capo del dipartimento di medicina interna 2, dipartimento di malattie autoimmuni e sistemiche dell'ospedale Pitié-Salpêtrière - AP-HP, era stato pubblicato all'inizio di quest'anno .

Nicotina come misura preventiva

Successivamente, un recente comunicato stampa di Assistance Publique - Hôpitaux de Paris (AP-HP) ha spiegato che la nicotina inibisce la penetrazione del virus e la sua propagazione nelle cellule, e quindi la nicotina potrebbe svolgere un ruolo profilattico (preventivo) contro COVID-19, e ha annunciato ulteriori ricerche sull'argomento.

Lo studio in questione sarà randomizzato, nazionale e multicentrico, condotto in doppio cieco e dovrebbe coinvolgere i team di Assistance Publique - Hôpitaux de Paris, Sorbonne University e Inserm. Si prevede che includerà circa 1.633 operatori sanitari e non medici, che lavorano in un istituto sanitario, non fumatori (o ex fumatori che hanno smesso di fumare per più di 12 mesi), senza una storia di infezione da COVID-19 e che lavorano con i pazienti (con o senza il virus).

I ricercatori somministreranno cerotti alla nicotina ad alcuni dei partecipanti per un periodo da 4 a 5 mesi, quindi eseguiranno un follow-up da 6 a 7 mesi. Ovviamente è ancora troppo presto per concludere esattamente come la nicotina interagisce con il coronavirus. Tuttavia, se la nicotina è effettivamente confermata come fattore protettivo, le NRT, comprese le sigarette elettroniche, potrebbero svolgere un ruolo fondamentale nel controllo di questa pandemia.



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

x