I vapers cinesi fanno scorta di vaporizzatori aromatizzati prima del divieto

marzo 31, 2022

Tra le altre restrizioni, una nuova legge che entrerà in vigore il 1° maggio, vieterà 122 gusti come proposto dall'Amministrazione Statale del Monopolio del Tabacco, inclusi numerosi gusti di frutta e alcol. Il progetto di regole modifica il monopolio del tabacco del Paese, estendendolo alle sigarette elettroniche, costringendo le imprese locali a registrarsi presso l'autorità del tabacco. Inoltre i produttori locali devono ottenere una licenza aggiuntiva per dimostrare di essere in possesso di fondi sufficienti per la produzione e per una struttura e attrezzature che soddisfino gli standard stabiliti.

L'autorità del tabacco ha aggiunto che istituirà una "piattaforma nazionale unificata di gestione delle transazioni di sigarette elettroniche" attraverso la quale tutti i grossisti e rivenditori autorizzati di sigarette elettroniche devono vendere i prodotti". Ciò faciliterebbe la riscossione delle tasse e il pagamento delle sigarette elettroniche, che "devono essere attuate in conformità con le leggi e i regolamenti fiscali nazionali".

La società di ricerche di mercato Forward Industrial Research Institute, ha recentemente riferito che in Cina ci sono circa 1.500 produttori di vaporizzatori e aziende di marca e oltre 100.000 catene di fornitura di sigarette elettroniche e imprese di servizi correlate, che danno lavoro a circa 5,5 milioni di persone. La società di ricerca ha anche scoperto che nel 2021 le vendite domestiche di sigarette elettroniche sono state pari a circa 19,7 miliardi di yuan ($ 3 miliardi), con una crescita annua del 36%.

Le reazioni del settore alle nuove leggi sullo svapo

Naturalmente, l'industria locale dello svapo non è ottimista. Allo stesso modo, John Dunne, Direttore generale della UK Vaping Industry Association (UKVIA), ritiene che il settore ne risentirà negativamente. "Penso che nella sua forma attuale la legislazione avrà un'enorme influenza sul settore sia a livello nazionale che internazionale, ma non tutto in senso positivo".

Mentre Wang Ning, il presidente della Camera di commercio elettronica cinese, ha affermato che queste leggi dovrebbero avvantaggiare l'intero settore. "Sollecitare opinioni sulle revisioni della legge sul monopolio del tabacco e regolamentare il mercato delle sigarette elettroniche dovrebbe essere vantaggioso per l'intero settore".

La China National Tobacco Corporation (CNTC), che vende circa il 40% delle sigarette del mondo, è la più grande azienda di tabacco del mondo ed è interamente di proprietà del governo cinese. Filter ha recentemente spiegato che ciò significa che il governo ha molto da guadagnare dall'espansione del mercato dello svapo e dei prodotti a base di tabacco riscaldato, soprattutto considerando che il 90% dei prodotti di svapo nel mondo è fabbricato in Cina.

Il presidente della Shenzhen Shikai Technology, Wang Shenyi, ha ribadito che, se se si opera correttamente, le normative potrebbero portare a un mercato migliore. "Possiamo guardare alle prossime misure di gestione o standard nazionali in un modo che non limiti lo sviluppo del settore, ma in un modo che supervisioni e regoli meglio il mercato per renderlo più sano e migliore a lungo termine".


Fonte: https://www.vapingpost.com/



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

x