Il mercato globale delle sigarette elettroniche dovrebbe crescere a un CAGR del 23,8% tra il 2020-2027

gennaio 07, 2021

I dati rivelati da Grand View Research, un database di ricerche di mercato abilitato alla BI, indicano che l'innovazione in atto nel settore delle sigarette elettroniche porterà a una crescita significativa durante il periodo 2020-27.

Nel 2019, la dimensione del mercato globale delle sigarette elettroniche e dello svapo era pari a 12,41 miliardi di dollari, ma da allora ha dovuto affrontare battute d'arresto significative, prima con la detta "epidemia" di adolescenti e lo scoppio di EVALI in Nord America, e poi a causa della pandemia COVID. Nonostante ciò, riporta Grand View Research, il mercato dovrebbe assistere a una crescita a un CAGR del 23,8% da oggi al 2027.

La ragione principale citata per questa crescita attesa, è la disponibilità di una varietà e innovazione di prodotti per lo svapo. Ciò è determinato dallo sviluppo di nuovi marchi e diverse tecnologie, come l'emergere di capsule di nicotina e prodotti del tabacco riscaldati negli ultimi anni. Tra i principali mercati per le sigarette elettroniche ci sono Francia, Regno Unito e Stati Uniti.

Licenze dure dannose e misure restrittive

Nel frattempo, altre entità si aspettano che il mercato statunitense subisca un colpo poiché il Family Smoking Prevention & Tobacco Control Act richiede che tutti i prodotti da svapo acquisiscano un'applicazione di autorizzazione pre-commercializzazione del tabacco (PMTA), prima che possano essere venduti in tutto il paese. Purtroppo, il processo PMTA è stato progettato per i produttori di prodotti che possono permettersi il tempo e i costi finanziari che ne derivano, lasciando molte delle piccole imprese in rovina.

Inoltre, rapporti provenienti da tutto il mondo indicano che un'ondata di nuove e severe normative sulle sigarette elettroniche sta portando i vapers a ricorrere all'uso di canali illeciti per ottenere i loro prodotti preferiti e non disponibili. Un recente studio condotto da ricercatori dell'Università dell'East Anglia nel Regno Unito, ha scoperto che le recenti restrizioni sulle sigarette elettroniche dell'UE, in particolare la direttiva sui prodotti del tabacco (TPD), hanno spinto molti vapers al mercato nero.



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

x