Il nuovo rapporto PHE ribadisce che lo svapo è una porta per (non per) fumare

febbraio 27, 2021

Realizzato dai ricercatori del famoso King's College di Londra, il settimo rapporto indipendente del PHE sullo svapo in Inghilterra, il rapporto è stato elogiato dagli esperti di riduzione del danno da tabacco. Il direttore della World Vapers’s Alliance (WVA), Michael Landl, ha affermato che coloro che continuano a diffamare lo svapo stanno semplicemente confutando i dati scientifici.

"Il rapporto di oggi della Public Health England è un'ottima notizia per i vapers. Abbiamo un'ulteriore conferma che lo svapo è un modo per smettere di fumare. Coloro che continuano a sostenere che lo svapo è una via d'accesso al fumo dovrebbero dedicare del tempo alla lettura della scienza. "Ascolta la scienza" è qualcosa che abbiamo sentito molto ultimamente con COVID, ma si spera che questa volta lo faranno coloro che criticano continuamente lo svapo. Non possono continuare a scegliere e scegliere la scienza più adatta a loro ".

La WVA ha affermato che il rapporto evidenzia i seguenti punti:

1. “Lo svapo è l'aiuto più popolare (27,2%) utilizzato dai fumatori che cercano di smettere di fumare in Inghilterra nel 2020

2. Più di 50.000 fumatori hanno smesso di fumare nel 2017 con l'aiuto dello svapo

Il 3,38% dei fumatori ritiene che lo svapo sia dannoso quanto fumare mentre il 15% ritiene che lo svapo sia più dannoso "

Il livello di disinformazione tra i fumatori è allarmante

Landl ha aggiunto che la disinformazione tra i fumatori attuali è molto preoccupante. “Più della metà dei fumatori crede che lo svapo sia più dannoso o dannoso come il fumo. Questa è una grande preoccupazione. La disinformazione sullo svapo gioca un ruolo enorme in questo malinteso e tutti dobbiamo fare tutto il possibile per prevenirlo. "

Ha poi continuato a fare riferimento alla proposta della Commissione europea lanciata di recente per il piano europeo contro il cancro, che purtroppo si propone di frenare lo svapo, allo stesso modo del fumo. “Ad oggi, la Commissione Europea ha ignorato la scienza sullo svapo nel loro Piano per sconfiggere il cancro. Spero che il rapporto di oggi della Public Health England sarà il campanello d'allarme necessario affinché abbandonino l'approccio ideologico a favore di uno basato su prove ".

Questo documento può essere considerato un momento determinante per l'industria

In linea con le argomentazioni di Landl, la UK Vaping Industry Association (UKVIA) ha affermato che il rilascio del rapporto PHE può essere considerato un momento determinante per l'industria dello svapo. "Questo è un momento determinante per il settore dello svapo e mostra veramente i notevoli progressi che ha compiuto in un contesto di significativa disinformazione nel settore, con la Public Health England che afferma ancora una volta che le percezioni del danno causato dallo svapo rispetto al fumo sono sempre più fuori in linea con le prove ", il Direttore Generale di UKVIA, John Dunne.

"Questi ultimi dati, su cui si basa la revisione, forniscono prove incontrovertibili sull'importanza dello svapo per smettere di fumare con successo e per la salute pubblica della nazione. Dunne ha anche indicato una serie di sfide che devono essere affrontate dall'industria e dai responsabili politici ".

Il rapporto evidenzia il grande successo nel ridurre i tassi di cessazione del fumo legati allo svapo

L'UKVIA ha sottolineato che mentre lo svapo entra in uno dei periodi più cruciali nella storia del settore, a causa dell'imminente revisione dei regolamenti sul tabacco e sui prodotti correlati a seguito della Brexit, il rapporto tempestivo mostra i grandi successi nella riduzione del danno e nella riduzione del fumo tassi di cessazione, legati ai prodotti di svapo.

Il rapporto ha confermato che in ogni regione del paese, i tassi di smettere di fumare tra i fumatori adulti erano più alti con l'uso dello svapo rispetto ad altri prodotti, dal 49% di successo nel sud-ovest al 78% nello Yorkshire e Humber. "Citando i dati di Action on Smoking and Health (ASH), la revisione evidenzia che i motivi più comuni addotti per lo svapo erano smettere di fumare sigarette combustibili (29,7%), rimanere fuori dalle sigarette dopo aver smesso (19,4%) e ridurre il consumo di tabacco (11,2 %) ", Ha affermato UKVIA.



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

x