La Commissione europea annuncia piani per vietare i prodotti a base di tabacco riscaldato

luglio 14, 2022

In risposta all'annuncio, il Direttore della World Vapers' Alliance, ha sottolineato che questo è un altro attacco fuorviante contro la riduzione del danno da tabacco. “È scioccante che la Commissione europea continui a combattere la riduzione del danno da tabacco. Abbiamo bisogno di quante più opzioni possibili per raggiungere l'obiettivo del 5% di consumo di tabacco della Commissione. Lo svapo, i sacchetti di nicotina e i prodotti che non bruciano aiutano le persone a smettere di fumare e sono meno dannosi.

Landl ha aggiunto che la commissione continua tristemente a ignorare la scienza a favore dello svapo. "La Commissione ignora sistematicamente la ricchezza di prove scientifiche che indicano i benefici, per non parlare dell'esperienza di prima mano di milioni di vapers. L'approccio negativo della Commissione alla riduzione del danno non farà altro che aumentare il mercato nero e spingere le persone a tornare a fumare".

“Invece di raccomandare ai fumatori di passare a alternative meno dannose, il commissario Kyriakides si rifiuta di ascoltare la scienza, gli esperti e i consumatori. Questo piano mostra che la Commissione europea intende reprimere ulteriormente la riduzione del danno accettandone tutte le conseguenze negative".

La CE rifiuta tutte le forme di alternative più sicure alla nicotina

Purtroppo Kyriakides è diventata famosa per la sua posizione obsoleta in relazione a alternative più sicure alla nicotina. Lo scorso gennaio, l'eurodeputata svedese Sara Skyttedal ha formalmente presentato interrogazioni parlamentari sullo snus al commissario europeo (CE) per la salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides. Le domande sono emerse prima della pubblicazione di febbraio del Piano per combattere il cancro dell'UE, che secondo molti esperti sta tralasciando strategie di riduzione del danno molto cruciali, come l'incorporazione di alternative più sicure al tabacco.

"Il fatto che la Commissione continui comunque a ritenere che lo snus causi il cancro è sia sorprendente che, ad essere onesti, piuttosto notevole", ha affermato Skyttedal citato da Snusforumet, all'epoca. Snus è un prodotto di tabacco in polvere umido che viene posizionato sotto il labbro superiore per lunghi periodi. È per lo più popolare in Svezia, Danimarca e Norvegia, ma è legale solo in Svezia, dove è considerato un efficace prodotto per la riduzione del danno.

Il commissario CE continua a diffondere disinformazione sui vaporizzatori

In risposta alle argomentazioni dell'eurodeputato, purtroppo il commissario Kyriakides ha affermato che la posizione della CE rimane invariata poiché lo snus e altri prodotti del tabacco per via orale sono stati collegati al cancro e ad altri effetti nocivi per la salute. "È indiscusso che il tabacco per uso orale crea dipendenza e ha effetti negativi sulla salute, compresi i tumori". Kyriakides ha continuato citando un rapporto del 2008 del comitato scientifico dell'UE sui rischi per la salute emergenti e recentemente identificati che, secondo lei, "ha confermato gli effetti negativi sulla salute dello snus".

La risposta del commissario ha suscitato una forte reazione da parte di Skyttedal, che ha sottolineato che in realtà la maggior parte degli studi relativi allo snus ha trovato pochi o nessun collegamento con il cancro, e ha proseguito citando il Global Burden of Diseases di Lancet e uno studio del 2020 pubblicato sullo Scandinavian Journal di Public Health, entrambi concludono che non ci sono prove che suggeriscano un legame tra snus e cancro.

Fonte: https://www.vapingpost.com/



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

x