Lo studio Otago invia messaggi contrastanti sui vaporizzatori come strumenti per uscire

gennaio 24, 2022

Uno studio dell'Università di Otago in Nuova Zelanda, suggerisce che passare dal fumo allo svapo nel tentativo di smettere di fumare potrebbe non essere così semplice come molti pensano.

Lo studio intitolato "A Descriptive Analysis of Transitions from Smoking to Electronic Nicotine Delivery System (ENDS) Use: A Daily Diary Investigation", ha concluso che smettere di fumare tramite lo svapo è raramente semplice. "Le transizioni dal fumo all'uso di ENDS possono comportare periodi considerevoli di doppio uso, che è probabile che siano dinamici e potenzialmente prolungati per diversi mesi".

Tuttavia, commentando le affermazioni fatte dallo studio, il co-direttore dell'Aotearoa Vapers Community Advocacy (AVCA) Nancy Loucas, ha evidenziato che i ricercatori non hanno riconosciuto un dettaglio importante. “Il processo di dare dei calci alle sigarette, tramite lo svapo, non è mai semplice e varia da fumatore a fumatore. Tuttavia, ciò che i ricercatori dell'Università di Otago non riescono a riconoscere è che, nonostante ciò, lo svapo rimane di gran lunga lo strumento per smettere di fumare più efficace al mondo. Inoltre, il supporto personalizzato continuo è fondamentale", ha affermato.

Ha aggiunto che tra il 2016 e il 2018, l'AVCA ha progettato e condotto il proprio programma Vape It Forward (VIP), e questo ha visto un impressionante tasso di abbandono del fumo dell'83%. “VIF era un programma di tutoraggio olistico per adulti che avevano cercato di smettere di fumare usando metodi convenzionali. Ha dimostrato che il supporto olistico e avvolgente senza vincoli di tempo funziona. Non c'è motivo di vergognare qualcuno che usa sigarette e vaporizzatori prima di cambiare completamente. Non è un fallimento. Fa parte del viaggio", ha detto.

Successo per smettere di fumare tramite ENDS

Un altro studio recente ha esaminato se i fumatori che tentano di smettere di fumare riportano tassi di abbandono simili a quelli che usano ausili per smettere di fumare comunemente raccomandati. Lo studio intitolato "Sigarette elettroniche nel trattamento standard per la cessazione del fumo da parte dei consulenti del tabacco nelle Fiandre: gli utenti di sigarette elettroniche mostrano tassi di smettere simili se non più elevati di quelli che utilizzano ausili per smettere di fumare comunemente raccomandati", ha esaminato il successo nella cessazione del fumo dei fumatori che hanno tentato di smettere di svapare.

I partecipanti sono stati reclutati da consulenti del tabacco e hanno seguito un trattamento per smettere di fumare (in gruppo) per 2 mesi. I partecipanti sono stati seguiti per 7 mesi dopo la data di uscita e hanno chiesto di compilare questionari e di consegnare le misurazioni eCO. "Un terzo di tutti i partecipanti (n = 244) ha raggiunto l'astinenza dal fumo 7 mesi dopo la data di cessazione, con i consumatori di sigarette elettroniche che hanno maggiori possibilità di fumare astinenza nella sessione finale rispetto agli utenti di NRT", hanno riferito i ricercatori.

In linea con i risultati precedenti, i ricercatori hanno scoperto che i vaporizzatori possono essere più efficaci di altri NRT nell'aiutare i fumatori a smettere. "Le persone che fumano e scelgono le sigarette elettroniche nel contesto del trattamento per smettere di fumare da parte dei consulenti del tabacco mostrano tassi di cessazione del fumo simili se non più elevati rispetto a quelli che scelgono altri ausili per smettere di fumare basati sull'evidenza (o no)," hanno concluso.

Per ulteriori informazioni sulle sigarette elettroniche, puoi seguirci.!!



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

x