L'OMS premia il presidente del Messico per aver bandito i vaporizzatori

giugno 20, 2022

Presentando il premio World No Tobacco Day, caduto il 31 maggio, la motivazione ufficiale del premio è stata l'approvazione di una nuova legge sul tabacco che include il divieto di vendita di tutti gli ENDS (Electronic Nicotine Delivery Systems). Dopo aver firmato il divieto, il presidente Andres Manuel Lopez Obrador ha affermato che l'affermazione che i prodotti siano un'alternativa più sicura alle sigarette è una "menzogna". "I vapori sono anche dannosi per la salute."

Ha continuato mostrando un dispositivo di svapo rosa per illustrare come i prodotti sono destinati ad attirare i giovani. "Guarda il colore, il design", ha detto Lopez Obrador. Il Messico aveva già vietato l'importazione e l'esportazione di dispositivi di vaporizzazione e cartucce lo scorso ottobre, ma da allora molte aziende hanno continuato a vendere il proprio inventario. Il nuovo divieto riguarda "la circolazione e la commercializzazione di questi nuovi prodotti", ha aggiunto Obrador.

I paesi che seguono la guida dell'OMS continuano a lottare con tassi di fumo più elevati
Nel frattempo, un white paper di 59 pagine che discute di casi di studio condotti in diversi paesi per misurare i progressi relativi alla cessazione del fumo, ha dimostrato che coloro che seguono le indicazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità, continuano a lottare con tassi di fumo più elevati.

Intitolato "Lavori di svapo. Best Practices internazionali: Regno Unito, Nuova Zelanda, Francia e Canada", la pubblicazione è stata pubblicata dalla Property Rights Alliance. Consisteva in quattro rispettivi casi di studio di Christopher Snowdon (Institute of Economic Affairs, Regno Unito), Louis Houlbrooke (Unione dei contribuenti della Nuova Zelanda, Nuova Zelanda), Patrick Coquart (IREF, Francia) e il Prof Ian Irvine (Concordia University, Canada ), e ha confermato ciò che gli esperti di sanità pubblica hanno sempre sottolineato.

“I paesi che applicano politiche di riduzione progressiva dei danni da tabacco stanno registrando un calo significativo dei tassi di fumo. Mentre coloro che seguono la guida dell'Organizzazione mondiale della sanità continuano a sperimentare malattie e decessi legati al fumo eccessivo", ha affermato la Coalition of Asia Pacific Tobacco Harm Reduction Advocates (CAPHRA).

Il coordinatore esecutivo della CAPHRA Nancy Loucas, ha affermato che per fortuna il rilascio di questi dati significativi ha coinciso con la Convenzione quadro dell'OMS sul controllo del tabacco (FCTC) che ha tenuto la sua famigerata sessione COP9 lo scorso novembre. "In definitiva, questo documento dimostra che i paesi che abbracciano lo svapo, come Francia, Regno Unito, Nuova Zelanda e Canada, hanno assistito a una diminuzione dei tassi di fumo due volte più veloce della media globale", ha affermato.

Source: https://www.vapingpost.com/



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

x