Offerte VPZ per lo stato essenziale

febbraio 23, 2021

L'industria del vaping nel Regno Unito, guidata dal rivenditore VPZ, sta combattendo per uno stato essenziale per rimanere aperto durante i blocchi in corso e futuri causati dalla pandemia.

VPZ, un marchio premium di vaporizzatori e una catena di rivenditori nel Regno Unito, ha presentato una petizione al parlamento, chiedendo al governo di modificare lo stato del settore in "essenziale" in modo che possa operare durante i periodi di blocco.

Se la petizione VPZ sta circolando tra l'industria nazionale e i consumatori raggiungono i 10.000 firmatari, il governo promette di rispondere con qualche azione. A 100.000 azioni, il governo porterà la proposta in discussione in Parlamento.

Questa è una parte del testo pubblicato con la petizione:

“Ora più che mai, i fumatori adulti che sono pronti a cambiare e quelli che lo hanno già fatto hanno bisogno di un accesso continuo a prodotti di svapo di qualità e supporto che solo i negozi specializzati di svapo possono fornire. Considerando la pressione che subiscono il NHS e le autorità locali, non possiamo aspettarci che siano in grado di fornire servizi per smettere di fumare a tutti coloro che ne hanno bisogno. Il governo deve riconsiderare la classificazione dei negozi di svapo per garantire che siamo in grado di continuare il grande lavoro nella riduzione del numero di fumatori ".

“Non stiamo sottovalutando l'impatto del Covid-19 sulla nostra comunità, né stiamo chiedendo un ritorno alla normalità. Servizi click & collect, operazioni solo su appuntamento o un solo cliente alla volta nel negozio: esistono numerose soluzioni sicure e appropriate per aiutare i vapers, ma non vediamo movimenti sufficienti verso qualsiasi azione ", ha affermato Doug Mutter , direttore di VPZ, in un comunicato stampa inviato a Vaping Post via email.

“Il blocco ha creato un ambiente in cui è stato consentito al fumo di crescere considerevolmente e sebbene all'inizio fosse involontario, non possiamo più semplicemente ignorare le prove di fronte a noi. I negozi di svapo sono chiusi, non hanno servizi per smettere di fumare e la disponibilità di sigarette non è mai stata così alta ", ha aggiunto Mutter.

Mutter fa riferimento a una varietà di set di dati sulla salute pubblica e privati che mostrano tendenze preoccupanti del fumo e dell'abuso di droghe durante i periodi di blocco. Gruppi industriali britannici come UKVIA e IBVTA hanno chiesto che anche in questi periodi siano aperti "negozi di vapori speciali".

VPZ cita i dati del sondaggio della Public Health England - la stessa agenzia governativa che dichiara che le sigarette elettroniche sono il 95% più sicure del fumo - dove il 29% delle persone ha dichiarato di fumare di più durante i periodi di blocco. L'azienda cita anche il proprio sondaggio, che ha rilevato che il 26% dei fumatori ha affermato di aver aumentato il numero di sigarette tradizionali che usano durante i periodi di blocco. Detto questo, il volume di sigarette vendute è aumentato durante la pandemia sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti.

The Grocer, una pubblicazione commerciale britannica del settore dei minimarket, riferisce che i paesi di tutta Europa hanno approcci diversi all'attuale applicazione della politica pandemica.

Paesi che consentono ai negozi di svapo di rimanere aperti in Finlandia, Francia, Svizzera, Danimarca, Italia, Romania, Norvegia, Paesi Bassi, Cipro e Svezia. Il governo di Regno Unito, Irlanda, Spagna, Belgio e Germania ha costretto i negozi a chiudere.



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

x