Sondaggio UE: la maggior parte degli intervistati sostiene norme fiscali armonizzate

aprile 07, 2022

A seguito delle richieste degli Stati membri dell'UE e dell'industria dello svapo di porre fine ai diversi regimi fiscali nazionali in Europa, i funzionari fiscali di Bruxelles hanno convenuto che è urgente stabilire uno standard di accise sulle alternative al tabacco.

Nel febbraio 2020, l'Esecutivo ha pubblicato un rapporto in cui suggerisce che questa mancanza di uniformità è fonte di preoccupazione dal punto di vista del mercato interno. "Sul mercato, gli sviluppi sono accelerati all'interno di nuove sigarette elettroniche, prodotti a base di tabacco riscaldato e una nuova generazione di prodotti moderni stanno entrando nel mercato (contenenti nicotina o cannabis)", si legge nel rapporto. "L'attuale mancanza di armonizzazione del quadro normativo fiscale per questi prodotti sta anche limitando la possibilità di monitorarne l'evoluzione del mercato e controllarne i movimenti".

Attualmente, la situazione fiscale nell'UE rimane frammentata, poiché diversi Stati membri hanno imposto aliquote fiscali diverse su prodotti diversi. Sebbene i prodotti elettronici siano regolamentati dalla direttiva sui prodotti del tabacco (TPD) per quanto riguarda l'aspetto sanitario delle cose, non esiste ancora un quadro fiscale a livello di UE per loro. Nel 2017, la CE aveva chiesto consultazioni su una proposta di revisione del TED, che avrebbe incluso tale tassa.

Direttiva 2011/64/UE

L'anno scorso TobaccoIntelligence ha riferito che la CE ritiene che l'attuale Direttiva 2011/64/UE sulla struttura e le aliquote delle accise applicate ai tabacchi lavorati presenti "problemi" che devono essere risolti "rapidamente", compreso il modo in cui le nuove norme disciplineranno il tabacco. prodotti alternativi.

La revisione della direttiva sembra una priorità assoluta per il ramo esecutivo dell'UE e fonti vicine al processo ammettono che una proposta finale sarà rinviata all'inizio del 2022 a causa dei ritardi nella procedura interna. La tabella di marcia della Commissione stabiliva originariamente che una decisione sul futuro delle tasse sul tabacco doveva essere presentata entro la fine del 2021. Una decisione definitiva in materia non è prevista prima dell'inizio del 2022.

Nel frattempo, un recente comunicato di ECigIntelligence, ha riportato che una consultazione pubblica ha rilevato che il 57% degli intervistati era anche favorevole all'armonia fiscale per le sigarette elettroniche contenenti nicotina, mentre il 31% era contrario. Inoltre, il 55% riteneva che le sigarette elettroniche senza nicotina dovessero essere tassate allo stesso modo, mentre il 36% riteneva di no. D'altra parte, sei membri del settore su dieci hanno sostenuto l'armonizzazione fiscale delle sigarette elettroniche.

Fonte: https://www.vapingpost.com/



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

x