Studi che analizzano l'effetto dei sistemi di tabacco riscaldati sulla qualità dell'aria interna

gennaio 26, 2021

Sono stati condotti studi scientifici pubblicati su riviste peer-reviewed per determinare l'impatto dei prodotti del tabacco riscaldati (THS) sulla qualità dell'aria. I prodotti, come IQOS di PMI, sono alternative senza fumo a batteria alle sigarette combustibili e funzionano riscaldando bastoncini contenenti foglie di tabacco. Queste ricariche, che sembrano sigarette corte, devono essere inserite nel dispositivo principale e si riscaldano una volta che quest'ultimo viene acceso.

Uno di questi studi condotti dai ricercatori della Kaunas University of Technology in Lituania, nel 2019, ha analizzato i livelli di particelle di aerosol, carbonili e concentrazioni di nicotina, nell'aria interna da THS. Lo hanno fatto confrontando le concentrazioni indoor di sostanze come formaldeide, acetaldeide, benzene, toluene, nicotina e particolato 2.5, da THS, con quelle da sigarette convenzionali e altri inquinanti atmosferici noti.

I livelli di inquinamento da THE sono insignificanti rispetto al fumo di sigaretta

I dati raccolti hanno indicato che qualsiasi effetto negativo sulla qualità dell'aria interna da THS è insignificante rispetto a quello del fumo di sigaretta e altri inquinanti. "L'uso di THS ha determinato un aumento statisticamente significativo di diversi analiti tra cui nicotina, acetaldeide, PM2,5 e PNC rispetto al background. I livelli ottenuti erano significativamente inferiori (circa 16, 8, 8 e 28 volte per nicotina, acetaldeide, PNC e PM2,5, rispettivamente) rispetto ai livelli risultanti dal fumo di sigaretta convenzionale (CC) in condizioni identiche ", leggi lo studio Abstract .

"Nell'ambiente controllato, l'uso di THS [così come una sigaretta elettronica] ha prodotto le più basse concentrazioni di formaldeide, benzene, toluene, PM2,5 tra le fonti di inquinamento maggiormente ricercate [sigarette convenzionali, pipa ad acqua, incenso, bobine di zanzara], "Secondo gli autori Violeta Kauneliene, Marija Meisutovic-Akhtarieva e Dainius Martuzevicius.

"Tali dati indicano che i livelli dei principali indicatori di inquinamento atmosferico interno in caso di aerosol ambientale THS potrebbero essere troppo bassi per distinguersi dallo sfondo, sollevando così ulteriori sfide per gli studi epidemiologici volti alla valutazione dell'esposizione di seconda mano nella vita reale ambienti ", hanno aggiunto.



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

x