Studio dell'EU sulle sigarette elettroniche criticato per essere selettivo nei risultati riportati

febbraio 07, 2021

Commissionato dalla Commissione Europea (EC), una revisione del Comitato Scientifico per la Salute, l'Ambiente e i Rischi Emergenti (SCHEER) ha riportato aspetti per lo più negativi in relazione alle sigarette elettroniche. In risposta al documento, molte entità stanno sottolineando che gli aspetti di riduzione del danno da tabacco dei prodotti sono stati ignorati.

La revisione SCHEER commissionata dalla EC ha concluso che le sigarette elettroniche comportano rischi per la salute del tratto respiratorio e del sistema cardiovascolare, mentre i rischi derivanti dall'esposizione cumulativa a nitrosammine e aldeidi sono risultati da deboli a moderati. Inoltre, i ricercatori hanno anche segnalato rischi da deboli a moderati derivanti dall'esposizione al vapore di seconda mano.

Purtroppo, nonostante tutte le prove scientifiche contrarie, il rapporto SCHEER afferma anche che le sigarette elettroniche agiscono come un gateway per il fumo. “Per quanto riguarda il ruolo delle sigarette elettroniche come porta d'accesso al fumo / inizio del fumo, in particolare per i giovani, lo SCHEER conclude che ci sono prove evidenti che le sigarette elettroniche sono una porta verso il fumo per i giovani. Ci sono anche forti prove che la nicotina negli e-liquid sia implicata nello sviluppo della dipendenza e che i sapori hanno un contributo rilevante per l'attrattiva dell'uso delle sigarette elettroniche e dell'iniziazione. "

La ricerca che indica l'efficacia delle sigarette elettroniche per smettere di fumare è stata confutata

Infine, il documento confuta tutte le ricerche che indicano l'efficacia dei prodotti di svapo come dispositivi per smettere di fumare e afferma che le prove che indicano questo sono deboli. "Per quanto riguarda il ruolo delle sigarette elettroniche nella cessazione del fumo di tabacco tradizionale, lo SCHEER conclude che ci sono prove deboli a sostegno dell'efficacia delle sigarette elettroniche nell'aiutare i fumatori a smettere, mentre le prove sulla riduzione del fumo sono valutate da deboli a moderate".

Per tutte queste accuse, il documento è stato criticato per essere selettivo nei risultati riportati. Tuttavia, la CE sostiene che lo studio si è basato sulle prove più recenti e aggiornate. "Il comitato SCHEER prende in considerazione le prove scientifiche e gli sviluppi tecnici più recenti e aggiornati e, se del caso, le disposizioni esistenti in materia di sigarette elettroniche ai sensi della TPD (in particolare l'articolo 20, paragrafo 3), e l'evoluzione del nuovi prodotti sul mercato ", ha detto un portavoce dell'EU.

"Il parere scientifico affronta considerazioni rilevanti sia a livello individuale che a livello di popolazione, dal punto di vista della salute pubblica e risponde a domande specifiche solo dalla DG incaricata (cfr. Mandato)", ha aggiunto il portavoce.

Naturalmente, rinomata per la sua posizione anti-vaping, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è d'accordo. "Tuttavia, è troppo presto per fornire una risposta chiara sull'impatto a lungo termine del loro utilizzo o dell'esposizione ad essi", ha affermato l'agenzia delle Nazioni Unite.

Ignorare i dati scientifici

Nel frattempo, più enti di sanità pubblica affidabili come Public Health England (PHE) insistono sui benefici relativi dei prodotti. “L'attuale svapo si concentra principalmente nei giovani che hanno esperienza di fumo. Meno dell'1% dei giovani che non hanno mai fumato sono vapers attuali ".

Comunicando con il rinomato e pluripremiato ricercatore e professore Riccardo Polosa, che è anche il direttore del Centro di eccellenza per l'accelerazione della riduzione del danno (CoEHAR), la rete di media indipendenti europea EURACTIV è stata informata che il "parere non ha richiesto molto tempo per valutare cessazione - meno di due pagine nel rapporto ”.

Comunque una persona può smettere di fumare va bene

Subito dopo la pubblicazione dell'articolo, ha aggiunto Polosa, la "ben rispettata revisione Cochrane" è uscita con un aggiornamento che ha suggerito una moderata evidenza di efficacia. “La scienza ha un alto livello di prova, il che è giusto. Allo stesso tempo, qualsiasi modo in cui una persona può smettere di fumare va bene: chewing gum, succhiare lecca-lecca. È ben noto nella riduzione del danno che la sostituzione è più facile da ottenere rispetto all'astinenza, quindi è per questo che le sigarette elettroniche hanno funzionato per molte persone per smettere di fumare ", ha concluso.



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

x