Il Coronavirus ha portato i vapers ex fumatori a riprendersi le sigarette

marzo 04, 2021

Gli esperti di sanità pubblica hanno da tempo previsto che lo stress causato dalla situazione Covid avrebbe un impatto negativo sui tassi di fumo. "Mentre il mondo va in blocco, è probabile che l'allontanamento sociale e l'autoisolamento rendano la società molto sola e la vita più stressante", ha affermato Pooja Patwardhan, direttore medico presso il centro per la ricerca sanitaria e membro del Royal College of General Practitioners .

Patwardhan aveva elencato le sue argomentazioni nel documento intitolato "COVID-19: rischio di aumento dei tassi di fumo tra i 6 milioni di fumatori inglesi e ricaduta tra gli 11 milioni di ex fumatori inglesi" e molti altri esperti di salute pubblica concordavano, condividendo anche le loro opinioni. A tal fine, molti esperti si erano espressi contro la mancanza di alternative più sicure alla nicotina, soprattutto in questo momento, a causa di questo temuto picco nel fumo.

Spendere meno per uscire e di più per le sigarette

Purtroppo, i risultati dell'intero anno pubblicati da Imperial Brands (IMBBY) hanno confermato questi timori. "Sembrerebbe che i fumatori abbiano scelto di destinare più della loro spesa discrezionale al tabacco", ha detto Imperial in un comunicato. "Più tempo trascorso a casa ha portato i consumatori a ridurre la spesa in determinate aree, come le vacanze o le uscite".

Blocchi, restrizioni sui viaggi e una spinta dalle misure di stimolo fiscale in "diversi mercati" hanno portato a cambiamenti nel comportamento dei consumatori, ha detto la società come citato da Yahoo Finance, il che significa "un andamento delle dimensioni di mercato leggermente migliore per il gruppo in generale". Imperial ha aggiunto che è attualmente in corso una revisione strategica e che i risultati dovrebbero essere pubblicati entro la fine di gennaio 2021.

In linea con questi dati, un precedente studio rappresentativo di circa 2.000 persone condotto tra il 30 aprile e il 13 maggio nel tracker Covid-19 di YouGov, aveva rilevato che circa 2,2 milioni di persone nel Regno Unito fumavano più del solito durante la pandemia. . Si pensava che altri 4,8 milioni fumassero la stessa quantità di prima e che 1,9 milioni avessero ridotto il volume.

La maggior parte dei fumatori che hanno smesso erano giovani adulti

Tuttavia, secondo i nuovi dati rilasciati dall'organizzazione no profit Action on Smoking and Health (ASH), da uno studio condotto tra il 15 aprile e il 20 giugno, oltre un milione di persone in Gran Bretagna hanno smesso di fumare.

Di questi, quasi la metà (41%) ha affermato che la decisione di smettere è stata una risposta diretta alle crescenti preoccupazioni per la salute causate dalla pandemia. Il rapporto ASH ha rilevato che su 1 milione di persone che hanno smesso tra aprile e giugno, 400.000 avevano un'età compresa tra i 16 ei 25 anni, il che significa che i più giovani avevano maggiori probabilità di smettere rispetto ai loro colleghi più anziani.

"Per i giovani che hanno smesso, c'è il desiderio di essere generalmente più sani e di prendere il controllo in un momento della loro vita in cui quel controllo è stato tolto", ha detto Hazel Cheeseman, direttore delle politiche di ASH.



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

x