Ultima ricerca Gli attuali vapers adolescenti sarebbero fumatori se i vaporizzatori non esistessero

novembre 08, 2021

In linea con precedenti studi e argomentazioni di esperti di salute pubblica, un recente articolo pubblicato su Nicotine & Tobacco Research ha scoperto che se i prodotti per lo svapo non fossero mai esistiti, quegli adolescenti che attualmente usano i prodotti avrebbero invece fumato.

"I giovani che avevano una bassa propensione al fumo dopo che le sigarette elettroniche erano disponibili era estremamente improbabile che usassero le sigarette elettroniche".

Lo studio intitolato "Gli anziani delle scuole superiori che hanno usato sigarette elettroniche potrebbero essere stati altrimenti fumatori di sigarette: prove del monitoraggio del futuro (Stati Uniti, 2009-2018)" mirava a determinare se i giovani adulti che hanno svapato tra il 2014 e il 2018 avrebbero sono diventati fumatori in assenza di sigarette elettroniche.

Gli autori dello studio, la dott.ssa Natasha Sokol, membro del Center for Alcohol and Addiction Studies della Brown University, e il dott. Justin Feldman, membro del François-Xavier Bagnoud Center for Health and Human Rights di Harvard, hanno voluto ancora una volta affrontare la famigerata "teoria del gateway". ”: l'idea che lo svapo provochi una dipendenza da nicotina che porta al fumo.

I ricercatori hanno condotto un'analisi di regressione degli alunni di 12° elementare con i dati recuperati dal rapporto "Monitoring the Future", un sondaggio condotto dal National Institute on Drug Abuse (NIDA) del governo federale che misura diverse forme di consumo di droga da parte degli adolescenti a livello nazionale.

I ricercatori hanno scoperto il contrario di un effetto gateway

Al contrario di un effetto gateway, gli autori dello studio hanno scoperto che in realtà i giovani che fumano tendono ad essere quelli che sarebbero stati fumatori se i vaporizzatori non fossero mai esistiti. "Il nostro modello prevedeva la prevalenza del fumo in modo abbastanza accurato prima della disponibilità delle sigarette elettroniche", ha detto Sokol a Filter.

“Ma una volta che le sigarette elettroniche sono diventate disponibili in modo diffuso, hanno sempre più sovrastimato la prevalenza [del fumo]. Quindi la prevalenza stava diminuendo, ma il nostro modello basato su un'era pre-e-sigaretta prevedeva una diminuzione ma non così ripida. [I giovani] che avevano una bassa propensione al fumo dopo che le sigarette elettroniche erano disponibili era estremamente improbabile che usassero e -sigarette", ha aggiunto.

Vaping adolescenti tre volte più probabilità di iniziare a fumare

Nel frattempo, uno studio che afferma il contrario è stato recentemente pubblicato online sulla rivista Addictive Behaviors. Lo studio intitolato "Uso di sigarette elettroniche e rischio di iniziazione di sigarette e tabacco senza fumo tra i ragazzi adolescenti: un'analisi di corrispondenza del punteggio di propensione", ha riferito che i vapers adolescenti avevano quasi tre volte più probabilità di iniziare a fumare rispetto ai loro coetanei non svapatori.

I ricercatori hanno affermato che, a differenza degli studi longitudinali, che sostengono che gli adolescenti che hanno iniziato a fumare potrebbero averlo fatto indipendentemente dal fatto che abbiano svapato o meno, questo studio non ha semplicemente seguito i partecipanti nel tempo. “Per uno studio ideale, da un punto di vista puramente scientifico, diamo a tutti una sigaretta elettronica, li seguiamo per alcuni anni e vediamo se iniziano a fumare, quindi riavvolgiamo l'orologio e non diamo loro una sigaretta elettronica. Oppure assegniamo a caso i bambini a svapare o non a svapare", ha detto l'autore principale dello studio Brittney Keller-Hamilton. "Non possiamo fare nessuna di queste cose."

A tal fine, i ricercatori hanno utilizzato un approccio statistico avanzato in cui hanno confrontato adolescenti che svapano e non svapano con fattori di rischio noti simili come l'uso di alcol, l'uso di marijuana, l'impulsività, i livelli di istruzione dei genitori e la storia del tabacco.

“Abbiamo identificato due gruppi di giovani che avevano la stessa probabilità di iniziare a svapare in base a diversi fattori, quindi abbiamo confrontato i risultati dello studio. Abbiamo scoperto che gli utenti di sigarette elettroniche avevano 2,7 volte più probabilità di provare a fumare", ha affermato Keller-Hamilton, che attualmente lavora come ricercatore nel Center for Tobacco Research presso il Comprehensive Cancer Center dell'Ohio.

Se vuoi saperne di più sulle novità sulle sigarette elettroniche e sulle informazioni sui nuovi prodotti, puoi seguire il nostro sito web-it.vapomo.com



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

x