Un sondaggio neozelandese indica che più fumatori si rivolgono alle sigarette elettroniche per smettere di fumare

gennaio 20, 2021

Uno studio condotto dai ricercatori dell'Università di Otago, a Wellington, ha scoperto che i fumatori utilizzano sempre più sigarette elettroniche per cercare di smettere di fumare.

L'autore principale dello studio, il professor Richard Edwards del Dipartimento di sanità pubblica dell'Università, ha rilevato che l'uso di sigarette elettroniche era più comune tra le persone di età compresa tra 18 e 24 anni e tra coloro che avevano smesso di fumare di recente. La ricerca ha anche indicato che tra il 2016 e il 2018 il livello di consapevolezza, così come l'uso di sigarette elettroniche, è aumentato tra i fumatori e coloro che avevano smesso di fumare di recente.

Parte del ramo neozelandese del progetto International Tobacco Control Policy Evaluation (ITC), lo studio comprendeva sondaggi con 1.155 persone tra il 2016 e il 2017 e 1.020 persone nel 2018 (400 delle quali Māori) che hanno fumato o avevano smesso di fumare di recente. I partecipanti sono stati reclutati dal sondaggio sanitario della Nuova Zelanda rappresentativo a livello nazionale e sono stati interrogati sul loro comportamento di svapo, sulla percezione delle sigarette elettroniche, sui motivi per l'uso.

Il sondaggio del 2018 ha rilevato che la maggior parte dei fumatori intervistati (98%) era a conoscenza dell'esistenza delle sigarette elettroniche. Un totale del 77% degli intervistati ha riferito di aver provato a svapare, mentre il 22% ha dichiarato di utilizzare attualmente sigarette elettroniche almeno una volta al mese e l'11% al giorno. Il professor Edwards ha sottolineato che i modelli di utilizzo erano generalmente simili tra i partecipanti Māori e non Māori.

Il 78% utilizzava sigarette elettroniche per smettere di fumare

L'uso quotidiano è stato il più grande tra coloro che hanno smesso di recente al 23%, mentre l'8% degli utenti giornalieri erano fumatori correnti. Un totale del 78% utilizzava sigarette elettroniche per smettere di fumare e l'81% per ridurle. Per quanto riguarda l'età, il 19% degli utenti era di età compresa tra i 18 ei 24 anni, mentre il 10% proveniva da gruppi di età più avanzata, il che non sorprende dato che i giovani sono più esperti di tecnologia.

Il professor Edwards ha affermato che è stato incoraggiante vedere che l'uso di sigarette elettroniche è per lo più comune tra coloro che hanno smesso di recente e coloro che vogliono smettere di fumare. "Ciò suggerisce che le sigarette elettroniche stanno contribuendo a ridurre la prevalenza del fumo e al raggiungimento dell'obiettivo di Aotearoa di diventare senza fumo entro il 2025", ha detto.

D'altra parte, ha aggiunto, il fatto che l'uso fosse prevalente tra le giovani generazioni era preoccupante. "Tuttavia, è preoccupante che l'uso di sigarette elettroniche sia più diffuso tra i 18-24 anni. Se le sigarette elettroniche devono dare un contributo sostanziale alla riduzione del fumo, il loro uso deve essere maggiore tra i gruppi di età più avanzata ".

Molti fumatori che cambiano non vanno a svapare regolarmente

Un'altra scoperta che ha preoccupato i ricercatori è stata che un gran numero di fumatori ha riferito di aver utilizzato le sigarette elettroniche su base di prova, piuttosto che regolarmente. "Le barriere potenziali più comuni identificate erano che il 68% dei partecipanti riteneva che lo svapo fosse meno soddisfacente del fumo e il 39% credeva erroneamente che le sigarette elettroniche fossero altrettanto o più dannose del fumo di sigaretta, o non ne erano sicuri (15%)".

Ha aggiunto che tali convinzioni sono indicative della necessità di un'istruzione pubblica sullo svapo, ad esempio attraverso il sito Web Vaping Facts. "Questo potrebbe informare i fumatori sui costi relativi e la nocività del fumo e delle sigarette elettroniche per incoraggiare le persone che fumano a smettere o passare completamente allo svapo e incoraggiare le persone che fumano a visitare i rivenditori specializzati per ottenere consigli di esperti sui migliori prodotti da svapo per loro . "

È stato riscontrato che il risparmio di denaro rappresenta un grande incentivo per incoraggiare il passaggio

Edwards ha anche sottolineato che l'incentivo più comune per le persone a intraprendere lo svapo era il risparmio di denaro, e quindi un sistema fiscale che mantiene i prezzi delle sigarette alti rispetto a quelli dei prodotti da svapo, potrebbe rivelarsi efficace. Per quanto riguarda il raggiungimento dell'obiettivo senza fumo della Nuova Zelanda, l'autore dello studio ha affermato che così com'è, è improbabile che questo venga raggiunto entro il 2025, in particolare in relazione ai popoli Maori e del Pacifico, dove è necessaria molta più azione. “Le sigarette elettroniche stanno dando un contributo utile, ma è necessario molto di più per ottenere un Aotearoa senza fumo per tutti i neozelandesi. È necessaria una strategia globale che renda i prodotti del tabacco fumato meno attraenti, che creano dipendenza e accessibili per completare l'impatto di prodotti alternativi come le sigarette elettroniche nel ridurre la prevalenza del fumo ".



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

x