Vaping in England: 2021 evidence update summary

aprile 02, 2021

1. Scopo della relazione

Questo è il sesto rapporto di una serie di rapporti indipendenti commissionati dalla Public Health England (PHE) per riassumere le prove sulle sigarette elettroniche per informare le politiche e le normative.

Nonostante la riduzione della prevalenza del fumo, il fumo rimane la principale causa singola di morte e malattie prevenibili e una delle principali cause di disuguaglianze di salute. Quindi, dispositivi alternativi per la somministrazione di nicotina che sono meno dannosi potrebbero svolgere un ruolo cruciale nel ridurre questo carico di salute.

Questo rapporto presenta aggiornamenti sulla prevalenza dello svapo tra i giovani e gli adulti e esamina la letteratura sullo svapo tra le persone con problemi di salute mentale e le donne incinte.

Un esame completo della sicurezza delle sigarette elettroniche sarà al centro di una futura relazione

1.1 Terminologia

I prodotti da svapo si riferiscono alle sigarette elettroniche e ai contenitori di ricarica (liquidi elettronici).

Vapers si riferisce a persone che usano regolarmente prodotti per lo svapo e lo svapo è l'atto di utilizzare un prodotto per lo svapo.

I nostri termini non includono lo svapo di cannabis o lo svapo di altre sostanze illecite, che non sono oggetto di questa relazione.

1.2 Normativa vigente

I prodotti da svapo non contenenti nicotina rientrano nel Regolamento generale sulla sicurezza dei prodotti 2005, applicato dagli standard commerciali locali.

I prodotti per lo svapo contenenti nicotina sono regolamentati in modo più rigoroso attraverso la direttiva sui prodotti del tabacco dell'Unione europea rivista (2014/40 / UE) (TPD), tradotta nella legge del Regno Unito attraverso le normative sul tabacco e sui prodotti correlati 2016 (TRPR), a cui il governo si è impegnato revisione entro maggio 2021.

Non ci sono prodotti per lo svapo di nicotina con licenza medica nel Regno Unito.

La vendita di prodotti per lo svapo a chiunque abbia meno di 18 anni è vietata, così come l'acquisto di prodotti per lo svapo a chiunque abbia meno di 18 anni.

1.3 Sviluppi recenti

I prodotti per lo svapo di nicotina hanno continuato ad evolversi. L'uso della tecnologia del sale alla nicotina sta diventando sempre più popolare.

Tra il 20 maggio 2016 (implementazione del TRPR) e il 9 gennaio 2020, l'Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA) aveva ricevuto 84 segnalazioni di 245 reazioni avverse ritenute essere associate a prodotti di svapo contenenti nicotina attraverso il suo Yellow Card Scheme. Un rapporto non è la prova che la reazione sia stata causata da un prodotto di svapo, ma solo che il giornalista sospettava che potesse essere stato.

Negli Stati Uniti, dove esiste un sistema di regolamentazione molto diverso per i prodotti da svapo (compresi i prodotti usati per vaporizzare la cannabis), c'è stata un'ondata di gravi malattie polmonari e decessi che sembravano raggiungere il picco alla fine del 2019. Questo focolaio sembra essere stato causato da persone che vaporizzano l'olio di tetraidrocannabinolo (THC) derivato dalla cannabis e l'acetato di vitamina E.

Non si è verificata un'epidemia di malattia polmonare simile in Inghilterra, sebbene l'MHRA abbia ricevuto segnalazioni di 4 decessi attraverso lo Yellow Card Scheme in cui si sospettava che lo svapo fosse implicato (2 prima dell'implementazione del TRPR e 2 più recentemente). Tuttavia, la connessione con i prodotti di svapo contenenti nicotina non è stata ancora stabilita. Ulteriori informazioni sono disponibili nell'aggiornamento sulla sicurezza dei farmaci MHRA di gennaio 2020. Ci sono anche 2 casi gravi pubblicati di malattie respiratorie che sono stati collegati allo svapo.

Sono state segnalate violazioni della legge sull'età della vendita per i prodotti da svapo contenenti nicotina (e per le sigarette) e l'uso dei social media per promuovere i prodotti da svapo. La Advertising Standards Authority ha recentemente accolto alcuni reclami in cui la commercializzazione di prodotti di svapo aveva violato il codice della pubblicità del Regno Unito.

La maggior parte dei trust per la salute mentale in Inghilterra consente lo svapo, ma ci sono incongruenze nella politica e nella pratica. Il rapporto dell'inchiesta della Commissione Scienza e Tecnologia della Camera dei Comuni sulle sigarette elettroniche ha raccomandato al NHS England di fornire indicazioni sullo svapo nei fondi per la salute mentale, che è ancora in sospeso.

1.4 Implicazioni

Poiché i prodotti per lo svapo senza nicotina sono regolamentati in modo meno rigoroso rispetto ai prodotti contenenti nicotina, potrebbe essere necessario rivederli insieme alla prossima revisione delle normative sullo svapo di nicotina.

NHS England dovrebbe emettere linee guida sullo svapo nei trust di salute mentale per garantire coerenza ed equità in tutto il NHS.

L'ondata di lesioni polmonari e decessi negli Stati Uniti non è attribuibile ai prodotti regolamentati per lo svapo di nicotina attualmente venduti in Inghilterra. Ma tutte le reazioni avverse sospette o le morti sospette devono essere valutate.

Le conclusioni delle nostre precedenti relazioni sono ancora messaggi importanti per prevenire danni. Questi possono essere ampiamente riassunti come segue:

Lo svapo di prodotti a base di nicotina regolamentata ha una piccola frazione dei rischi del fumo, ma questo non significa che sia sicuro
i fumatori dovrebbero essere incoraggiati a provare prodotti per lo svapo di nicotina regolamentati insieme a farmaci per smettere di fumare e supporto comportamentale. Ciò aumenterà notevolmente le loro possibilità di smettere di fumare con successo
le persone che non hanno mai fumato dovrebbero essere incoraggiate a non fumare ea non svapare
I vapers dovrebbero essere incoraggiati a utilizzare solo prodotti a base di nicotina regolamentati e smettere di fumare completamente

    2. Metodi

    Abbiamo utilizzato i dati di 6 sondaggi rappresentativi a livello nazionale per esaminare la prevalenza e le caratteristiche dello svapo in Inghilterra. Abbiamo anche esaminato la letteratura accademica internazionale per gli studi pubblicati tra novembre 2018 e ottobre 2019 che riportano la prevalenza dello svapo.

    Abbiamo utilizzato i dati raccolti da NHS Digital dai servizi per smettere di fumare, i dati dallo schema di cartellino giallo della MHRA e i dati da pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria.

    Abbiamo condotto 2 revisioni sistematiche della letteratura accademica pubblicata che identificano le prove sullo svapo tra persone con una condizione di salute mentale e sullo svapo in gravidanza.

    3. Vaping tra i giovani

    3.1 Principali risultati

    L'attuale prevalenza dello svapo (settimanale o inferiore a quella settimanale) tra i giovani in Inghilterra è rimasta ragionevolmente stabile con le migliori stime recenti che la collocano al 6% tra gli 11-15 anni nel 2018 e al 5% tra gli 11 ei 18 anni nel 2019.

    I bambini più grandi hanno maggiori probabilità di svapare. L'uso attuale tra gli undicenni è stato stimato a meno dell'1% nel 2018, rispetto all'11% dei quindicenni.

    Lo svapo attuale è concentrato principalmente nei giovani che hanno esperienza di fumo. Meno dell'1% dei giovani che non hanno mai fumato sono vapers attuali.

    Nessun sondaggio ha riportato un aumento significativo della prevalenza dello svapo.

    L'attuale prevalenza del fumo (settimanale o inferiore a quella settimanale) tra gli 11-15 anni si è dimezzata tra il 2009 (11%) e il 2018 (5%), ma è rimasta relativamente stabile dal 2014.

    Le percezioni dei giovani sui danni relativi dello svapo rispetto al fumo sono sempre più in linea con le prove. La percentuale di ragazzi dagli 11 ai 18 anni che pensavano che lo svapo fosse meno dannoso delle sigarette è scesa dal 68% nel 2014 al 52% nel 2019.

    Poco più di un terzo degli 11-15 anni ha pensato che fosse OK provare a svapare e poco meno di un quarto ha pensato che fosse OK svapare una volta alla settimana.

    La maggior parte dei giovani che hanno provato a svapare, lo fanno per curiosità.

    I modelli di serbatoi, che sono kit riutilizzabili e ricaricabili che gli utenti possono riempire con liquido, rimangono il tipo di dispositivo di svapo più popolare utilizzato dai giovani.

    Recenti sondaggi nel Regno Unito non hanno chiesto informazioni sull'uso degli aromi tra i giovani che svapano.

    Quasi il 60% degli adolescenti di età compresa tra 11 e 15 anni che svapano regolarmente (più di una volta alla settimana) ha riferito di aver ricevuto prodotti per lo svapo, principalmente da amici. Ma molti hanno anche riferito di aver acquistato prodotti per lo svapo da altre persone, negozi e Internet.

    I confronti tra i paesi sono ostacolati da domande e metodi di indagine incoerenti. Un sondaggio che ha confrontato lo svapo tra i 16 ei 19 anni dal 2017 al 2018, utilizzando metodi coerenti, ha rilevato livelli più bassi di svapo in Inghilterra rispetto al Canada e agli Stati Uniti.

    3.2 Implicazioni

    La prevalenza dello svapo e del fumo tra i giovani in Inghilterra dovrebbe continuare a essere attentamente monitorata.

    Le domande sulle preferenze di gusto e le ragioni per lo svapo tra i giovani dovrebbero essere aggiunte a grandi sondaggi rappresentativi a livello nazionale.

    L'applicazione delle norme sull'età della vendita deve essere migliorata.

    4. Vaping tra gli adulti

    4.1 Principali risultati

    L'attuale prevalenza dello svapo (qualsiasi uso corrente) tra gli adulti in Inghilterra è rimasta stabile dal 2014 e nel 2019 era compresa tra il 5% e il 7%.

    L'attuale prevalenza dello svapo tra i fumatori varia tra il 14% e il 20% tra i sondaggi, mostrando ancora pochi cambiamenti dal 2014.

    L'attuale prevalenza di svapo tra gli ex fumatori ha continuato a crescere ed era dal 12% al 13% nel 2019.

    Lo svapo rimane più comune tra i fumatori e gli ex fumatori, con meno dell'1% delle persone che non hanno mai fumato che attualmente svapano.

    La percentuale di fumatori attuali che non hanno provato i prodotti per lo svapo è rimasta al 37% tra il 2018 e il 2019.

    Il fumo tra gli adulti in Inghilterra ha continuato a diminuire negli ultimi 10 anni e nel 2019 era di circa il 15%.

    La prevalenza dello svapo è più alta tra le persone nei gruppi socio-economici più svantaggiati, riflettendo i loro livelli più elevati di fumo.

    La percezione del danno derivante dallo svapo tra i fumatori è sempre più in linea con le prove. La percentuale di coloro che riteneva che lo svapo fosse meno dannoso delle sigarette è diminuita dal 45% nel 2014 al 34% nel 2019. Queste percezioni errate sono particolarmente comuni tra i fumatori che non svapano.

    La maggior parte degli adulti utilizza prodotti per lo svapo per aiutarli a smettere di fumare.

    Vapers ha affermato che vietare i liquidi aromatizzati li scoraggerebbe dall'usare prodotti per lo svapo per aiutarli a smettere o ridurre il fumo. Potrebbe anche spingere gli attuali vapers verso prodotti illeciti.

    Analogamente agli anni precedenti, i dati dei servizi per smettere di fumare in Inghilterra suggeriscono che quando un prodotto di svapo viene utilizzato per tentare di smettere, da solo o con farmaci autorizzati, le percentuali di successo sono paragonabili, se non superiori, ai soli farmaci autorizzati.

    Laddove sono disponibili informazioni internazionali, la prevalenza dello svapo degli adulti in Inghilterra sembra essere maggiore che in altri paesi.

    4.2 Implicazioni

    I dati presentati qui suggeriscono che lo svapo non ha minato il calo del fumo negli adulti.

    Percezioni sempre più errate da parte del pubblico sui danni dello svapo potrebbero impedire ad alcuni fumatori di utilizzare prodotti per lo svapo per smettere di fumare.

    Un divieto di liquidi aromatizzati potrebbe avere effetti negativi e conseguenze non intenzionali per i fumatori che utilizzano prodotti per lo svapo per smettere. Dovrebbe essere considerato solo con cautela.

    5. Vaping tra persone con problemi di salute mentale

    5.1 Principali risultati

    Nella nostra revisione sistematica, non abbiamo identificato alcuno studio sulla prevalenza dello svapo dall'Inghilterra, quindi non siamo in grado di riportare i tassi di svapo tra le persone con condizioni di salute mentale in Inghilterra o in altre parti del Regno Unito.

    Abbiamo identificato 17 studi che hanno riportato la prevalenza dello svapo nelle persone con condizioni di salute mentale al di fuori del Regno Unito.

    Le definizioni dello svapo corrente variavano tra gli studi, ad esempio, qualsiasi utilizzo negli ultimi 30 giorni o uso tutti i giorni, in alcuni giorni o raramente. Quindi, i risultati e qualsiasi confronto tra gli studi dovrebbero essere trattati con cautela.

    Nel complesso, i tassi di svapo corrente variavano dal 3% al 20% tra le persone con condizioni di salute mentale in campioni di popolazione rappresentativi a livello nazionale. I tassi variavano dallo 0,3% al 21% in campioni rappresentativi di indagini statali o regionali e dal 7% al 45% tra i partecipanti reclutati da contesti clinici. Questi alti tassi di svapo riflettono probabilmente l'alta prevalenza del fumo tra le persone con condizioni di salute mentale.

    Tra i campioni rappresentativi a livello nazionale e statale o regionale, i fumatori attuali hanno avuto i più alti tassi di svapo (fino al 75%) e gli attuali tassi di svapo (fino al 41%).

    Non ci sono attualmente studi randomizzati controllati (RCT) pubblicati che valutino i prodotti di svapo per smettere di fumare o ridurre per i fumatori con condizioni di salute mentale. Abbiamo identificato 4 "studi pre-post" a singolo gruppo, un tipo di studio che esamina i partecipanti prima e dopo un intervento e un'analisi dei dati secondari dei dati RCT che includeva un campione di persone con una condizione di salute mentale. In 4 degli studi, i partecipanti non erano motivati ​​a smettere. La completa astinenza dal fumo è stata raggiunta dal 7% al 14% dei partecipanti tra 4 settimane e 12 mesi di follow-up negli studi. I partecipanti allo studio che hanno svapato hanno ridotto significativamente l'assunzione di sigarette.

    La scarsa letteratura esistente sulla conoscenza e l'atteggiamento degli operatori sanitari riguardo allo svapo suggerisce che molti sono ambivalenti sul ruolo e sull'uso dei prodotti per lo svapo tra i fumatori con condizioni di salute mentale. Suggerisce inoltre che vi sono esigenze di formazione insoddisfatte.

    5.2 Implicazioni

    Una delle azioni del piano di controllo del tabacco del governo per l'Inghilterra è stata quella di esplorare come raccogliere dati più affidabili per informare meglio le misure di controllo del tabacco a sostegno delle persone con condizioni di salute mentale. Gli studi in corso sullo svapo (e sul fumo) in queste persone in Inghilterra aiuteranno a colmare alcune lacune nelle prove. Ma sono ancora necessari dati più rappresentativi a livello nazionale, in particolare per le persone con gravi condizioni di salute mentale.

    Alti tassi di fumo e vaping insieme suggeriscono che i fumatori con problemi di salute mentale dovrebbero essere consigliati e supportati a smettere di fumare completamente, non appena si sentono in grado di farlo.

    Sono necessarie ulteriori ricerche sullo svapo tra le persone con condizioni di salute mentale e sulla sua efficacia e sicurezza per smettere di fumare.

    Ci sono segni che gli operatori sanitari necessitano di una formazione più personalizzata sull'uso dei prodotti per lo svapo tra le persone con condizioni di salute mentale.

    Le risorse sullo svapo tra le persone in contesti di salute mentale sono disponibili presso la Mental Health & Smoking Partnership in Inghilterra. Poiché lo svapo è consentito nella maggior parte dei trust di salute mentale in Inghilterra, dovrebbe essere esplorata l'esperienza dell'uso di prodotti di svapo nel tempo in questi contesti, compreso il loro effetto sul passaggio completo dal fumo allo svapo.

    6. Vaping durante e dopo la gravidanza

    6.1 Principali risultati

    La nostra revisione sistematica ha mostrato una mancanza di prove sulla prevalenza dello svapo in gravidanza in Inghilterra, sugli effetti dello svapo sul fumo durante la gravidanza e dopo il parto e sugli effetti dello svapo sulla salute materna o sugli esiti della gravidanza.

    Come in altre popolazioni, è probabile che le donne incinte che vaporizzano lo facciano per smettere di fumare.

    Lo svapo in gravidanza è molto raro tra chi non ha fumato.

    Le fumatrici incinte e gli operatori sanitari non sono sicuri dei rischi relativi dello svapo per la madre e il bambino e la pratica clinica sullo svapo in gravidanza varia.

    6.2 Implicazioni

    La mancanza di dati rappresentativi a livello nazionale sullo svapo in gravidanza in Inghilterra deve essere affrontata attraverso programmi di ricerca.

    Sono necessarie ulteriori ricerche sulle associazioni tra lo svapo in gravidanza e la cessazione del fumo e gli esiti sulla salute.

    I motivi più comuni per lo svapo in gravidanza sono smettere di fumare, impedire un ritorno al fumo e ridurre i danni. Quindi, qualsiasi incertezza sui danni o sui rischi dello svapo in gravidanza rischia di scoraggiare lo svapo da parte delle fumatrici incinte.

    Gli atteggiamenti incoerenti degli operatori sanitari nei confronti dello svapo in gravidanza mostrano che è urgentemente necessaria una guida.

    Mentre attendono i risultati della ricerca in corso, gli operatori sanitari possono utilizzare la guida e le raccomandazioni del gruppo Smoking in Pregnancy Challenge sullo svapo prima, durante e dopo la gravidanza, per la maternità e altri professionisti della salute. La guida afferma che lo svapo dovrebbe essere supportato se aiuta le donne o le famiglie con bambini a smettere di fumare oa rimanere senza fumo e che i prodotti regolamentati per lo svapo di nicotina saranno sempre preferibili al fumo.



    Lascia un commento

    Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

    x